Articoli più letti  

   

Cerca autori  

   

Cerca Argomenti  

   

Fonte marcotosatti.com 18/05/2019

Autore Agostino Nobile

Cari Stilumcuriali, Agostino Nobile ci ha mandato una riflessione veramente molto interessante in relazione al prossimo appuntamento elettorale europeo, visto nell’ottica della progressiva islamizzazione del continente. E in calce, vi offriamo un breve video trovato su Twitter…

⊕ ⊗ ⊕

 

Se alle prossime elezioni europee non crescerà il buon senso l’invasione musulmana ci seppellirà

 

Col rischio di ripetermi voglio ricordare alcuni fatti che, pochi giorni prima del voto europeo, dovrebbero farci alzare le antenne. Secondo le stime rilevate dal Pew Research Center nel report “Europe’s Growing Muslim Population”, pubblicato il 10 novembre 2017, l’aumento della popolazione musulmana nel Vecchio Continente nei prossimi 35 anni sarà in crescita del 73%. Nel 2070 i cristiani saranno minoranza. Stime da prendere con le dovute considerazioni, poiché, come sappiamo, certe proiezioni possono essere smentite dai numeri. Se i governi, i media e la Chiesa dovessero continuare la politica immigrazionista pro-islamica e anticattolica, il sorpasso potrebbe verificarsi qualche decennio prima.

Infatti, secondo la ricerca oltre il 90% dei migranti è di fede maomettana. I migranti musulmani non si dirigono nelle più vicine e ricche nazioni musulmane della penisola araba, ma in una Europa senza fede e, soprattutto in Italia, senza lavoro. Cosa assolutamente incomprensibile anche al più distratto osservatore.

Se a questo sommiamo la percentuale dei cristiani in Medio Oriente in vertiginosa diminuzione, è difficile non pensare a un programma stabilito dai Potenti laicisti occidentali e dai governi musulmani. Ancora più drammatico se pensiamo che la Chiesa, una volta baluardo capace di fermare l’invasione maomettana, oggi parteggia con i laicisti e i mullah musulmani. Gli europei stanno assistendo impassibili alla più devastante e imbecille sostituzione culturale e religiosa della storia. I media, i politici e la Chiesa, come il pifferaio di Hamelin, hanno annichilito milioni di europei che si dirigono ossequiosamente verso il baratro.

A pochi giorni dall’elezioni europee non ho trovato un solo articolo e/o talk show televisivo in cui si parli del pericolo dell’islamizzazione. Si dice che nella cattedrale di Santa Sofia a Costantinopoli nel maggio 1453, mentre i turchi armati fino ai denti scalavano le mura, celebravano un concilio ecumenico dove si discuteva sul sesso degli angeli. In poche ore le strade della città erano inondate da fiumi di sangue. Migliaia di religiosi, donne, uomini e bambini furono sventrati, stuprati, o massacrati sotto gli zoccoli dei cavalli degli invasori. L’islam cancellò per sempre la ricca civiltà cristiana d’Oriente. Oggi in Europa non si parla del sesso degli angeli, ma di debito pubblico, inflazione, spread, euro. Per i musulmani non ci sono muri da scalare, ma un Occidente e una Chiesa decisi a collaborare con chi, per mandato divino, deve sottomettere i non musulmani.

Non stiamo parlando del vostro vicino di casa musulmano, persona gentile e integrata, ma di quel Corano che gestisce la mente di oltre un miliardo di fedeli, pronti ad arruolarsi tra i terroristi o nelle file della politica occidentale con lo scopo di adempiere la dottrina che li salva dall’inferno. Quindi una questione di eterno che tutti i maomettani, anche i più disinteressati, prima o poi si chiederanno.

Il popolo europeo forse non rischia gli sventramenti di massa, ma una lenta agonia fatta di umiliazioni e violenze così devastanti da desiderare la morte. Come hanno provato i cristiani siriani in questi ultimi anni. Costretti a scappare dalle loro case anche in pigiama, mentre gli uomini dell’Isis (finanziati, armati e sostenuti dalle monarchie arabe, dai governi britannico, USA e israeliano) li minacciavano con armi nuove di zecca donate generosamente da Barack Hussein Obama e dall’arcigna Hillary Clinton.

Guarda caso, personaggi molto apprezzati dal vescovo vestito di bianco. Bergoglio, come sappiamo disapprova il presidente anti abortista Trump, ma non ha mai bacchettato la Clinton che sostiene l’aborto fino al nono mese e alla nascita. Evidentemente, per Bergoglio, che tornando dalle Filippine ebbe a dire:  “Essere cattolici non significa fare figli come conigli”, l’immigrazione musulmana ha la priorità sui bambini squartati. L’aggettivo è brutale, ma è esattamente ciò che avviene durante l’aborto nel ventre della madre, o appena nati.

Gli europei cristiani, agnostici e atei dovrebbero votare in massa chi ha sollevato quel Problema che, prima ancora di rendercene conto, mese dopo mese, anno dopo anno, quasi silenziosamente, potrebbe ridurre l’Europa occidentale a una seconda Bisanzio. I pifferai vaticani, politici e mediatici non sono ciechi o ingenui, come alcuni pensano. Sanno bene dove vogliono arrivare. Contano molto sull’ignoranza e la pigrizia mentale di milioni di sprovveduti credenti e atei che considerano il papa e i media l’oracolo delfico. Sono giustamente convinti che per i milioni di cittadini geneticamente servili, distratti o menefreghisti, sono più credibili i falsi dell’oracolo che i fatti concreti. Le ideologie hanno utilizzato la stessa tecnica. E non hanno fallito.

Le prossime elezioni europee non sono politiche. Non si tratta di votare per la Destra o la Sinistra, per l’Europa o contro, ma per il futuro della nostra civiltà. Non è una esagerazione o una forma di nevrosi, basta leggere la Storia passata e recente. Oggi il numero delle chiese bruciate in Europa e nel mondo musulmano sta crescendo in maniera esponenziale. Abbiamo chiese adibite a moschee, a luoghi ludici, garage, librerie, ristoranti. I cristiani sono diariamente massacrati, mentre i media e il Vaticano tacciono o proferiscono parole di circostanza. Gli “artisti”, pur di trovare un posto al sole, dissacrano nelle maniere più ripugnanti i simboli cattolici. L’ultima trovata è il dipinto blasfemo con la Vergine Maria https://www.msn.com/it-it/notizie/mondo/il-dipinto-blasfemo-con-la-vergine-maria-che-fa-infuriare-la-spagna/ar-AABmqKc

Nella storia delle democrazie in tempo di pace non si è mai visto un numero così elevato di musulmani che stuprano donne cristiane. Certi magistrati assolvono i delinquenti musulmani che si macchiano di crimini odiosi. L’ONU e Bruxelles impongono ai governi l’immigrazione. Il papa la sacralizza. Le ONG sfidano le leggi traghettando migliaia di musulmani in Italia, mentre i personaggi e i politici di Sinistra li proteggono. I magistrati, per ovvi motivi defini toghe rosse, hanno già iniziato la caccia alle streghe accusando di corruzione i politici di Destra, guarda caso, gli unici che si oppongono all’immigrazione irregolare.

I sindaci di molte città nord europee sono musulmani e capita che le opere teatrali e i melodrammi considerati islamofobi vengano tolte dal cartellone. I grandi artisti della nostra storia vengono visti con diffidenza perché tacciati di omofobia o islamofobia. I politici di Sinistra, senza la minima vergogna, vogliono coprire le croci dai cimiteri per non offendere i fedeli maomettani. Se aprite i testi di scuola dei vostri figli, vedrete che denigrano la storia del cristianesimo e valorizzano quella islamica. Le statistiche sul numero dei musulmani in Europa vengono metodicamente ridotte per non allarmare gli autoctoni. Lo spiega Michèle Tribalat, per 25 anni Direttrice dell’Institut national d’études démographiques. Nel suo libro Les Yeux Grands Fermés – L’immigration en France (Denoël, Paris, 2010), la specialista francese scrive che durante 15 anni i dati forniti sull’immigrazione musulmana sono stati falsati per non alimentare il razzismo. Siamo sicuri che i governi del resto d’Europa siano più onesti dei colleghi francesi?

Ignorare questi fatti significa rendersi complici di chi ha deciso di eliminare quei valori cristiani che per duemila anni hanno sostenuto la dignità dell’uomo, della donna e del bambino. Se sottovalutiamo questo aspetto vitale i nostri figli e i nostri nipoti non ci perdoneranno.

Agostino Nobile

Ed ecco il video: https://twitter.com/micelnera/status/1128716393124368384/video/1

   

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli , guarda la nostra privacy policy.