Articoli più letti  

   

Cerca autori  

   

Cerca Argomenti  

   

La costante presenza delle creature alate

Autori Saverio Gaeta e Macello Stanzione

Editore Mondadori 2014 pag. 192 € 17,00



Fonte riscossacristiana.it 10/05/2014


“Inchiesta sugli Angeli”. Un libro di Saverio Gaeta e Don Marcello Stanzione per conoscere la reale essenza di queste creature


a cura della Redazione della Milizia di San Michele Arcangelo

.

Da sempre l’uomo avverte intorno a sé presenze invisibili, benefiche e talvolta malefiche, che lo accompagnano o lo ostacolano nella vita di ogni giorno. Queste figure vengono con semplicità definite angeli “buoni” o “cattivi” e la Bibbia narra il loro coinvolgimento sin dagli inizi nella misteriosa storia della creazione dell’universo e del cammino salvifico dell’umanità.

Si legge infatti nell’Apocalisse: «Scoppiò quindi una guerra nel cielo: Michele e i suoi angeli combattevano contro il drago. Il drago combatteva insieme ai suoi angeli, ma non prevalse e non vi fu più posto per loro in cielo. E il grande drago, il serpente antico, colui che è chiamato diavolo e il Satana e che seduce tutta la terra abitata, fu precipitato sulla terra e con lui anche i suoi angeli» (12,7-9).

In ogni caso – qualunque sia l’epoca, la cultura e la religione – la descrizione di esseri luminosi e generalmente invisibili, di forma umana però dotati di due o più ali, si riscontra in molteplici tradizioni orali o scritte, che giungono fino ai più oscuri linguaggi. E il trascorrere dei secoli, con il costante progresso della scienza e della tecnica, non ha intaccato questo radicato convincimento popolare.

Negli ultimi decenni si è intensificato in tutto il mondo un singolare fenomeno mediatico, sorto negli Stati Uniti nella seconda metà del XX secolo, che ha riportato all’attenzione dell’opinione pubblica la tematica degli angeli mediante una serie di testimonianze – di varia, e spesso dubbia, credibilità – che mirano a inquadrare la natura e l’azione di tali spiriti all’interno di una dimensione magica. Non di rado ci si spinge anche a fornire gli spunti per surreali invocazioni o ambigui riti esoterici, nell’intento di favorire un legame pseudo-spirituale fra l’uomo e queste creature soprannaturali.

In un tempo difficile come quello attuale, risultano ancor più evidenti le motivazioni di fondo cui questa proliferazione di proposte intende rispondere: il desiderio di fuggire da una realtà priva di valori e di punti di riferimento universalmente riconosciuti, la volontà di un ritorno all’originaria dimensione mistica individuale, la suggestione di una spiritualità che non coinvolge necessariamente il rapporto con Dio e la Chiesa, il bisogno di protezione che tante persone manifestano in un mondo percepito come pericoloso, una reazione al materialismo e al secolarismo della società occidentale.

Ma è altrettanto indiscutibile che, lasciandosi irretire dai “professionisti del paranormale” e dalle dottrine che si fondano sul mito astrologico della New Age, è facile il rischio di cadere nel paradosso denunciato dal grande scrittore cattolico Gilbert Keith Chesterton: «Chi non crede in Dio non è vero che non crede in niente, poiché comincia a credere a tutto».

Per quanto riguarda l’Italia, a dimostrazione di questa operazione di “appropriazione indebita” c’è un’inchiesta condotta dal Centro studi sulle nuove religioni, su un campione nazionale dai 14 anni in su, dalla quale è emerso che il 67,4 per cento degli intervistati crede negli angeli, una cifra molto vicina a quella del 70,2 per cento di chi si dichiara cattolico praticante. E la percentuale sale al 71,1 per cento della popolazione generale di età compresa fra i 14 e i 19 anni. Un dato indicativo, secondo il sociologo Massimo Introvigne, del fatto che «la credenza negli angeli in gran parte non deriva dal cattolicesimo tradizionale, bensì dalla cultura popolare, dalla televisione, dal cinema. Sono angeli postmoderni, non necessariamente cristiani».

Dinanzi a questa inarrestabile moda degli angeli è dunque opportuno andare a fondo per riscoprire il loro vero volto, al di là della dilagante mitologia contemporanea che li indica come esempi di un’eterea bellezza e bontà, come espressioni di una spiritualità “fai da te” priva di dogmi e di precetti morali. In questo libro-intervista di Saverio Gaeta, l’autorevole studioso don Marcello Stanzione ci accompagna in una serrata indagine attraverso le fonti bibliche, innanzitutto, ma ancor più scavando nelle testimonianze autorevoli e indiscusse di santi e mistici, con i loro tanti aneddoti emozionanti e coinvolgenti. Viene così messa in luce con chiarezza la reale essenza di queste creature e la loro vera missione a sostegno dell’uomo.




   

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli , guarda la nostra privacy policy.