Articoli più letti  

   

Cerca autori  

   

Cerca Argomenti  

   

Fonte marcelloveneziani Il Tempo 17 settembre 2018

Autore Marcello Veneziani

 

Indovinate che tema aveva il libro che ha vinto l’altra sera il Campiello. Ma il nazismo, perbacco. È così fu al premio Strega con la saga antifascista. E così altrove, a cinema o a teatro. E in politica ci ripetono ogni giorno che sta tornando Hitler o Mussolini. Allora mettiamola così. Se è vero che sta tornando il fascismo nelle vesti del sovranismo, allora è vero che sta tornando il comunismo nelle vesti del migrantismo.

Se Salvini & C sono i piccoli Mussolini di oggi, allora pullulano a sinistra tanti piccoli Lenin che vedono nei migranti il nuovo proletariato da riscattare e che a sua volta sovvertirà le nostre società, i loro fondamenti e sfonderà i loro confini. E fornirà alle sinistre carne da macello da sfruttare politicamente. Semplificazione brutale ma rigorosa. E bipartisan. Anzi, la sequenza è esattamente rovesciata: la minaccia di un nuovo comunismo attraverso l’ingresso indiscriminato di proletariato africano, islamico, extracomunitario, genera la minaccia di un nuovo fascismo per fermare l’invasione e la decadenza sfascista della nostra società. Senza comunismo non c’è fascismo, insegna la storia. Un testo del 1922 che ebbe fortuna nel comunismo nostrano, scritto dall’anarco-comunista Luigi Fabbri, definiva il fascismo “una controrivoluzione preventiva”: dunque, il fascismo non nasceva dal nulla ma sorgeva proprio per contrastare e prevenire la rivoluzione comunista.

Mutatis mutandis dovremmo dire la stessa cosa oggi: il sovranismo è una controrivoluzione preventiva rispetto a chi vorrebbe passare dalla società aperta al globalitarismo, cioè a un regime fondato sulla distruzione delle società nazionali e degli stati sovrani. Se sta nascendo un nuovo fascismo è perché sta sorgendo un nuovo comunismo attraverso l’onda migratoria. Non solo perché i migranti sono il nuovo proletariato e la società senza frontiere è la realizzazione dell’Internazionale; ma il comunismo è nella pretesa di mettere in comune con loro il nostro mondo, le nostre città, i nostri beni e i nostri servizi. Cioè il nostro habitat che non concorsero a costruire ma che possono concorrere a sfasciare. Dico concorrere perché a sfasciarlo ci pensiamo già da noi stessi. Basta questo per chiamarlo comunismo? Non lo so, ma per molto meno si evoca il fascismo. Se esiste l’Ur-fascismo, cioè un fascismo eterno, esiste l’Ur-comunismo cioè un comunismo eterno. Mutano le forme, i contesti, perfino i colori, perché il rosso si fa nero e il nero si fa verde; ma si rigenerano i fratelli coltelli del Novecento. Se credete ai fantasmi, allora ci sono pure a casa vostra. Fin qui la provocazione che restituisce la leggenda ai mittenti e pareggia i conti.

Se passiamo sul piano storico, allora dobbiamo far notare che il fascismo non sorge da sé, spontaneo ed autonomo, per la malvagia volontà dei suoi fondatori o come un’entità malefica inflitta da chissà quale demonio. Ma il fascismo sorge in risposta, o come voi stessi dite, in reazione a ciò che lo precede. Ovvero, il fallimento di una classe dominante col suo sistema di potere da una parte e dall’altra la minaccia di una rivoluzione bolscevica che vuol sovvertire e distruggere una società, il suo ordine, i suoi legami, le sue tradizioni. Peraltro la controrivoluzione fascista non fu una restaurazione, un ritorno indietro o un tentativo di fermare la storia a uno stadio; piuttosto fu il tentativo di fondare una nuova modernità e di sposare l’ordine nuovo, la rivoluzione e la modernizzazione, con la tradizione, collegandosi all’Italia del Risorgimento fino alla Romanità. Dunque una rivoluzione conservatrice; non solo rivoluzione, cioè slancio verso l’avvenire, né solo conservazione, cioè difesa degli assetti preesistenti, ma ambedue le cose, insieme. Da qui la sua irriducibilità a destra o a sinistra.

Il fascismo sorge da tre fattori storici combinati: il fallimento di una classe dominante, del suo sistema di potere, di valori e di rappresentanza politica, nell’era delle masse; la caduta di un ordine europeo e degli imperi centrali, attraverso la catastrofe di una guerra mondiale che coinvolge per la prima volta i popoli tramite la leva obbligatoria; e l’avvento del comunismo che nel ’17 conquista il potere in Russia e minaccia di trionfare anche nell’Italia smarrita, dissanguata e lacerata del dopoguerra. Non si potrebbe capire il fascismo senza la guerra, senza la disfatta della classe liberale e senza il biennio rosso, tra violenze, odio contro i borghesi e i reduci di guerra.

Non so se l’attuale crisi dell’Europa, la crisi vistosa dell’establishment vigente e la minaccia di aprire, come a Troia, le Porte Scee per far entrare i migranti, ripetano le condizioni per la nascita di un nuovo fascismo. Ma se così fosse, dovremmo prima domandarci sulle sue cause e dare risposte adeguate a quella situazione che lo precede. Solo ammettendo tutto questo sarà lecito e ragionevole fare paragoni col passato. Ma bilaterali, non a senso unico.

Se invece sorteggiate dal cilindro un piccolo Hitler e un piccolo Mussolini e pretendete di infilzare il pupazzo coi vostri spilli come si fa nelle fatture, allora state compiendo un atto di magia nera, tra la superstizione, la cialtroneria e il risveglio dei demoni. Intanto se continuate a dire che sta tornando sotto altre vesti il fascismo sarà appropriato rispondervi che sta tornando sotto altre vesti il comunismo. Dopo cent’anni siamo tornati a quel punto. Cantiamo con Achille Togliani l’antico refrain: Nel 1919 vestita di voile e di chiffon…

 

   

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli , guarda la nostra privacy policy.