Articoli più letti  

   

Cerca autori  

   

Cerca Argomenti  

   

Fonte lanuovabq.it 04/03/2017

Autore Riccardo Cascioli

Questa settimana i Radicali hanno portato a casa un importante successo. Non solo perché hanno ottenuto la morte di dj Fabo in Svizzera, architettando con estremo cinismo una sceneggiatura fin nei minimi particolari. No, c’è di più. Sono riusciti ad imporre un dibattito sull’eutanasia censurando tutta la domanda di significato che nasce in ogni uomo di fronte ad un caso drammatico come quello di Fabiano.

In questi giorni sembrava che l’unico problema fosse: legge si, legge no, legge quando e legge in quali circostanze. Eppure la vera domanda è un’altra: la vita ha un senso? E se ha un senso, ce l’ha anche nella sofferenza che inevitabilmente la vita porta con sé? La risposta a questa domanda c’è ed è vissuta e testimoniata da tutti quei malati terminali o disabili gravi che vivono tra di noi e che - dentro alla loro condizione - gridano al mondo che la vita è bella, che la vita vale, che la vita è un bene, sempre. E infatti: la vita diventa insopportabile non perché esiste il dolore, ma quando manca un senso, un significato. E qual è questo significato? Cristo può essere la risposta esauriente a tutta la nostra vita? “Io sono la via, la verità e la vita”: Gesù Cristo è la risposta. Che tristezza vedere in questi giorni il silenzio di tanti pastori, le loro mezze parole, o ancora il loro andare dietro ai discorsi sulla legiferazione. Oggi non si può tacere le uniche parole che il mondo attende: “Io sono la via, la verità e la vita”. Solo da qui si può ripartire.

vai al video

   

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli , guarda la nostra privacy policy.