Articoli più letti  

   

Cerca autori  

   

Cerca Argomenti  

   

Fonte cooperatores-veritatis.org 22/02/2018

«Solo un peccato è ora gravemente punito: l’attenta osservanza delle tradizioni dei nostri Padri. Per tale ragione i buoni sono allontanati dai loro paesi e portati nel deserto» (San Basilio, Ep. 243).

Per il Vescovo di Bergamo Francesco Beschi: Gesù Cristo NON è Dio!

Non ci piace dover fare questo genere di articoli, che oltre tutto ci fanno perdere molto tempo prezioso, ma è un sofferto servizio alla Chiesa e ai Fedeli, a noi stessi, in quel puro evangelico “ama il prossimo tuo… COME AMI TE STESSO“, e questo non può che avvenire nella Verità, alla quale tutti i Battezzati sono chiamati. Del resto, se c’è chi afferma di non voler leggere i siti della “RESISTENZA CATTOLICA-DOTTRINALE” – vedi qui – per la propria salute mentale, noi affermiamo  di voler leggere queste propagande per fare santo discernimento, come ci chiede il Vangelo, e rinnegare l’eresia e l’apostasia. Chi si ama nella menzogna, spiega infatti sant’Agostino vedi qui, al prossimo non farà altro che dare menzogna e amare iniquamente, nella menzogna, dice il Santo:

Se poi tu ami l’iniquità e mandi in rovina te stesso, non è possibile che tu pretenda ti sia affidato il prossimo da amare come te stesso, perché come perderesti te stesso con il tuo modo di amarti, così faresti perdere il tuo prossimo amandolo allo stesso modo. Ti proibisco dunque di amare alcuno, perché sia tu solo a perderti. Ti pongo l’alternativa: o correggere il tuo modo di amare o astenerti da ogni rapporto con altri…”

Ringraziando la pagina di Facebook: “Amici della Tradizione Cattolica-Forlì“, andiamo ad analizzare e a condannare senza i “sé, i ma e i però…” l’opuscolo che le ACLI di Bergamo (ed è evidente che hanno ottenuto il placet della sede vescovile, visto che c’è la prefazione del vescovo Beschi) hanno improntato per le preghiere e meditazioni “Pasqua 2018”.

Di cosa si tratta? Lo potete vedere nelle immagini che vi alleghiamo al fianco e che potrete ingrandire. Si tratta di preghiere anomale attraverso le quali Gesù Cristo E’ IL GRANDE ASSENTE  e un dio generico è invocato al pari del Dio Cattolico, ed è posto sullo stesso piano dottrinale e concettuale dell’eresia e dell’apostasia ecumenista, di cui parlammo anche qui.

La gravità sta nel fatto che Gesù Cristo NON E’ CONSIDERATO QUEL DIO UNICO al quale si rivolgono le Preghiere, e che c’è dunque UN ‘ALTRO DIO – comune a tutti – al di fuori di Gesù Cristo, quando san Paolo afferma: “… uno solo il mediatore fra Dio e gli uomini, l’uomo Cristo Gesù” (1Tim.2,5)

– MEDITAZIONI! E su che cosa? sul nulla, sul vuoto più assoluto, senza alcuna identità del PECCATO, dell’offesa al vero ed unico Dio, della conversione al Cristo Gesù. Dalla “preghiera luterana” (???) leggiamo:

Dio tu vuoi che non solo ti chiamiamo Padre, ma Padre nostro comune, e che ti preghiamo concordemente per tutti…”

FALSO!!! Falso ed eretico! Non abbiate paura di dirlo. Gesù Cristo, alla domanda specifica sul cosa dire per pregare correttamente, ci dona LA SUA PREGHIERA AL PADRE, ed essendo Battezzati in Cristo, imparare a chiamare questo Dio che si è rivelato in Cristo Gesù, con l’appellativo di PADRE, PADRE NOSTRO che nulla ha da spartire con l’ideologico termine “Padre COMUNE”. Gesù non ha mai usato questo termine. Avrete notato come si sta iniziando a forzare il Vangelo e a modificarlo a proprio piacimento, la stessa frase del Padre Nostro sul finale, vedi qui, ci fa capire dove si vuole arrivare, denaturalizzando IL SENSO della Preghiera come ci è stata trasmessa dalla TRADIZIONE DEI PADRI.

La Preghiera del Pater Noster, così come Gesù ce l’ha insegnata e i santi Padri della Chiesa l’hanno trasmessa, ha un senso di per sé che è già “comune” ma nel senso di CATTOLICO e non di sincretismo religioso come la si vuole strumentalizzare. Certo che “Dio” è “Padre di tutti, ma quel “Nostro”, specificano i Padri, è l’invocazione DEI BATTEZZATI che dichiarano al mondo l’appartenenza a questo Dio – e non altri – per testimoniare la loro ADOZIONE A FIGLI per mezzo di Gesù Cristo NELLA SUA UNICA CHIESA.

Questa invocazione luterana E’ FALSITA’… è una forzatura del Vangelo, proprio loro che divisero la Chiesa imponendo il “Sola Scriptura” ossia, solo ciò che è LETTERALMENTE riportato dai Vangeli, negando alla Chiesa Cattolica il diritto ad insegnare ed interpretare il Vangelo, ora manipolano maggiormente le Scritture inventando cose non scritte, e attribuendo al Cristo ciò che non ha mai detto. Non è per tanto “Dio che lo vuole” ma gli eretici vogliono questa falsificazione della Scrittura.

– PREGHIERA GIAINISTA (???) “La pace e l’amore universale sono l’essenza del Vangelo predicato da tutti gli ILLUMINATI (???). Il Signore ha predicato che la serenità d’animo è il Darma…” (???)

“Guai al mondo per gli scandali! Poiché, ben è necessario che avvengano degli scandali; ma guai all’uomo per cui lo scandalo avviene!” (Mt.18,7), “è impossibile che non avvengano scandali” precisa Gesù in Luca 17,1 e allora, come superare questa frenesia eretica ed apostata? San Paolo offre molte indicazioni è necessario che tu, io, noi… ci troviamo di fronte a tali ostacoli, per superarli e crescere all’altezza della statura perfetta di Cristo attraverso il sano DISCERNIMENTO (cfrEf.4,13).

Che il Signore Gesù abbia “predicato” il DHARMA è privo di senso teologico e cattolico, poichè se è vero che Dharma non è in sé un termine nocivo, dal momento che significa semplicemente “legge naturale; insegnamento; obbligo morale; fondamento della verità…“, d’altra parte, però, teologicamente parlando, toglie al Cristo Gesù l’esclusività della VERITA’, GLI TOGLIE LA SUA IDENTITA’.

Ve lo spieghiamo in chiaro e breve: Gesù Cristo non ha detto “io vi dico una verità; io vi offro una legge morale.. ecc..”, magistero questo che è naturale trovare in ogni CULTURA SANA che si  riscontra nei popoli onesti e timorati, bensì Gesù ha detto di Se stesso: “IO SONO LA VERITA’, la Via e la vita. Nessuno viene al Padre se non per mezzo di me.”(Gv.14,6). Un Battezzato non ha bisogno di fare preghiere giainiste… e soprattutto NON può abbassare Gesù Cristo ad altre divinità, non può fare SINCRETISMO RELIGIOSO, pena l’apostasia e l’eresia.

– PREGHIERA SIKH (??) “…chi ama raggiunge Dio”…. bella scoperta, MA QUALE DIO?? e di quale VERITA’ allude la preghiera “sikh” quando essi stessi NON SI CONVERTONO AL CRISTO GESU’ VERITA’ UNICA e sono panteisti? I sikh sono i devoti del Sri Guru Granth Sahib, le sacre scritture dei 10 guru che si sono succeduti dal 1469 al 1708 e di altri amanti del Creatore. Vivono principalmente nel Punjab (India del nord-ovest). Pregano il Creatore onnipresente ed onnipotente, che si manifesta attraverso il creato..

Ma il nostro VERO ED UNICO DIO SI E’ INCARNATO!!! Questa preghiera sincretista è la negazione dell’Incarnazione di Dio!! “Chi è il menzognero se non colui che nega che Gesù è il Cristo? L’anticristo è colui che nega il Padre e il Figlio. Chiunque nega il Figlio, non possiede nemmeno il Padre..”(1Gv.2,22-23), c’è altro da aggiungere? Purtroppo sì: gran parte delle credenze dei Sikh deriva dall’induismo. I Sikh sono monoteisti e credono nella legge del karma e nella reincarnazione. L’ingresso nella comunità avviene mediante una sorta di battesimo.

Come fa un vero cattolico, e che dir si voglia, a non capire che questo battesimo nulla ha da spartire con il Battesimo impartito dal Cristo Gesù? “Abbiate in voi gli stessi sentimenti che furono in Cristo Gesù“(Fil.2,5), come fa  un vero cattolico a non capire che queste invocazioni non contengono i “medesimi sentimenti di Cristo” il cui vero AMORE è la conversione al Padre, passando attraverso IL FIGLIO, riconoscendolo per ciò che Egli era, è e sarà…? NOI NON crediamo nella reincarnazione e preghiamo e crediamo nella risurrezione dei corpi! CRISTO E’ RISORTO!

E veniamo al tocco finale, la ciliegina sulla torta:

– PREGHIERA MUSULMANA (??) “Nel nome di Allah, il clemente, il misericordioso… e i servi di Dio (falsato perché loro usano solo il termine Allah) i santi sono quelli che camminano sulla terra con umiltà…”

Intanto avvisiamo tutti che nei famosi “99 Nomi” attraverso i quali l’Islam onora Allah, manca proprio il centesimo che, guarda il “caso”, è proprio l’appellativo di PADRE!! Per l’Islam è offensivo definire Allah come un “Padre” perché non c’è una RELAZIONE con la divinità, non c’è un Dio “rivelato o incarnato” e Gesù NON E’ IL FIGLIO…. Appare evidente la forzatura di questa preghiera fatta, probabilmente in campo interreligioso con persone che non contano nulla, teologicamente parlando, ma capaci di IMPORRE concetti devastanti.

I Santi sono quelli che sulla terra “camminano nell’umiltà”, è evidente che anche questa frase è costruita ad arte, mischiata, perché non c’è nell’Islam la virtù dell’umiltà e i santi, per loro, sono coloro che muoiono nel nome di Allah, magari uccidendo gli infedeli (ebrei e cristiani). Il concetto di PARADISO per loro non è quello Cattolico, ma è UN HAREM dentro al quale, il santo musulmano morto in combattimento, magari meglio se uccidendo… riceverà TUTTO CIO’ CHE IN TERRA NON HA AVUTO….

Confondere i Santi Cattolici, con il santo pensato dall’Islam – e dalle altre religioni – è OFFENDERE I SANTI E IL CRISTO STESSO. Altra cosa è invece RISPETTARE che nelle altre fedi sparse sulla terra, per coloro che non vi sia stata possibilità di conoscere il Cristo – e dunque non lo hanno rifiutato – vi siano persone morte santamente, nel rispetto inconsapevole del Dio Uno e Trino e Rivelato….

Ma questo “rispettare” non può essere usato ed imposto come un “Cammino verso la Pasqua di Nostro Signore Gesù Cristo”! E’ ERESIA, E’ APOSTASIA.

RIBELLIAMOCI E RIBELLATEVI!!! Con rispetto e con mitezza, che non significa stupidità, ebetismo, imbecillità…. supinismo… Gesù è stato chiarissimo, ed è un “Dio geloso” il nostro: «Chi si vergognerà di me e delle mie parole davanti a questa generazione adultera e peccatrice, anche il Figlio dell’uomo si vergognerà di lui, quando verrà nella gloria del Padre suo con gli angeli santi» (Mc.8,34-38)

Se non volete credere a “noi” studiatevi almeno il Catechismo della Chiesa Cattolica che afferma:

  1. Prima della venuta di Cristo, la Chiesa deve passare attraverso una prova finale che scuoterà la fede di molti credenti. La persecuzione che accompagna il suo pellegrinaggio sulla terra svelerà il « mistero di iniquità » sotto la forma di una impostura religiosa che offre agli uomini una soluzione apparente ai loro problemi, al prezzo dell’apostasia dalla verità. La massima impostura religiosa è quella dell’Anti-Cristo, cioè di uno pseudo-messianismo in cui l’uomo glorifica se stesso al posto di Dio e del suo Messia venuto nella carne.

Laudetur Jesus Christus

Ricordiamo anche:

   

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli , guarda la nostra privacy policy.